Strutture di riabilitazione per la perdita di peso

Riabilitazione Metabolica Nutrizionale

fare e non fare dimagrire

L'approccio al paziente è svolto dal team interdisciplinare che valuta inizialmente il paziente, e, settimanalmente il lavoro e gli obiettivi raggiunti. Il medico nutrizionista si occupa della valutazione clinica, della cura delle complicanze presenti, delle terapie e del recupero dello stato di salute del paziente; se lo ritiene necessario prescrive l'esecuzione di ulteriori visite mediche specialistiche ed esami non compresi nella routine.

perdita di grasso epidurale

Terapia della riabilitazione L'esercizio fisico concorre alla riduzione della massa adiposa e all'aumento del dispendio energetico, da cui deriva un bilancio energetico negativo con conseguente perdita di peso. L'attività fisica influisce positivamente sulla patologia di base, migliora l'autostima ed il senso generale di benessere percepibile dall'individuo. Tutti i pazienti vengono sottoposti alla valutazione del medico di palestra e del fisioterapista utile per pianificare un programma di attività fisica personalizzato comprensivo di: attività cardiovascolare aerobica, esercizio di condizionamento muscolare, esercizi di flessibilità strechingterapia occupazionale e incontri educazionali.

Il fisioterapista pertanto si occupa di realizzare un intervento volto a promuovere con gradualità l'attività motoria in modo da comprendere le reali possibilità del paziente ed indurlo ad aumentare le occasioni quotidiane di movimento non solo nel tempo liberoma anche durante l'attività lavorativa, domestica ecc.

Supporto psicosociale Chi soffre di disturbi da alimentazione incontrollata Binge Eating Disorder presenta spesso disturbi psicopatologici quali depressione, ansia, comportamenti ossessivi e compulsivi.

come perdere peso nel mio cortile

Lo psicologo si occupa di indagare e valorizzare le motivazioni al cambiamento, di aiutare a sviluppare tecniche comportamentali, cognitive ed emotive idonee a risolvere i problemi psicologici che contribuiscono al mantenimento del disordine alimentare, di gestire i disturbi di ansia e dell'umore, di far conoscere al paziente la connessione tra la situazione, il pensiero e le emozioni per poi elaborare eventuali distorsioni percettive ed eventuali sensi di colpa associati alle trasgressioni.

Supporto nutrizionale Il medico nutrizionista definisce un programma di rieducazione alimentare basato sulla correzione delle abitudini alimentari e sulla restrizione calorica moderata, tenendo conto delle abitudini e delle esigenze individuali del paziente. Programmi educazionali e comportamentali Il paziente partecipa a lezioni educazionali, nutrizionali e comportamentali condotte da diverse figure professionali medico nutrizionista, psicologo, dietista, terapista della riabilitazione, infermiere finalizzate a modificare lo stile di vita, i comportamenti e le idee disfunzionali che causano e perpetuano l'obesità e a dibattere le problematiche emerse.

cosa dovrei mangiare perdere peso

Insieme concordano il rientro a domicilio o la necessità di attivare una dimissione in regime protetto. Il medico nutrizionista consegna ed illustra la lettera di dimissione che riporta gli esiti degli accertamenti rilevanti eseguiti, la terapia farmacologica consigliata, gli eventuali controlli da effettuare strutture di riabilitazione per la perdita di peso domicilio e le indicazioni a cui dovrà attenersi il paziente, per un corretto stile di vita.

come perdere peso prima della menopausa

Altre informazioni sull'argomento